Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.  Per ulteriori informazioni Clicca qui

nati per leggere

Ecco i nuovi appuntamenti con il gruppo dei volontari Nati per Leggere organizzati dalla Biblioteca comunale per i bambini 0-6 anni

confidiamo, come al solito, in una numerosa presenza.

image Nati per leggere - programma 2017 (412 KB)

Pubblicato in Biblioteca

Benvenuto nella rubrica “Newsletter Comune di Bagnolo San Vito"

E’ un servizio gratuito attivato per ricevere informazioni di carattere istituzionale direttamente nella Tua casella di posta elettronica. Per iscriversi, è sufficiente indicare un proprio indirizzo e-mail e sottoscrivere l’informativa relativa al trattamento dei dati personali. E' possibile revocare l'iscrizione in qualsiasi momento dall'apposito link.

Informativa sul trattamento dei dati personali

I dati raccolti sono trattati nel rispetto delle normative sulla riservatezza dei dati personali (D.Lgs. 196/03 e s.m.i.). Per trattamento dati si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione dei dati". La sottoscrizione alla Newsletter del Comune di Bagnolo San Vito prevede la comunicazione dell'indirizzo e-mail. A tal fine occorre tener conto che:

  • I dati acquisiti verranno trattati in via del tutto riservata dal Comune di Bagnolo San Vito unicamente per la finalità di invio della newsletter via posta elettronica.
  • I dati personali comunicati con la compilazione del modulo di iscrizione verranno registrati su supporti elettronici protetti gestiti dal servizio Sistemi Informativi del comune di Bagnolo San Vito.
  • I dati raccolti dal Comune di Bagnolo San Vito tramite l'iscrizione online non verranno in nessun caso divulgati o ceduti a terzi.
  • Sono state predisposte tutte le misure di sicurezza informatica necessarie a ridurre a minimo il rischio di violazione della riservatezza degli iscritti da parte di terzi.
  • Il titolare del trattamento dei dati è l'Ente "Bagnolo San Vito", secondo quanto disposto dall'art. 28 del D.Lgs. 196/2003 e s.m.i.
  • La mancata sottoscrizione dell'informativa non permette l'erogazione del servizio in oggetto.

Ho letto l'informativa: compilando il seguente modulo di iscrizione al servizio newsletter del Comune di Bagnolo San Vito

Modulo d'iscrizione alla newsletter

Pubblicato in Vivere Bagnolo San Vito

Ecomuseo della risaia, dei fiumi e del paesaggio rurale mantovano

Testo...

Pubblicato in Vivere Bagnolo San Vito

Prima dei Romani gli Etruschi

Nel territorio comunale si trova il Museo della Civiltà Contadina con centinaia e centinaia di oggetti relativi al mondo contadino locale del secolo scorso Oltre alla storia del secolo passato, Bagnolo offre anche la storia degli antichi Etruschi grazie al sito archeologico del Forcello. Tale località, nel territorio del Comune di Bagnolo, è un'importante sito archeologico sede di una innominata città Etrusca del VI secolo a.c. Periodicamente studenti ed esperti di archeologia dell'università di Milano svolgono esercitazioni e visite. In centro a Bagnolo, vicino alla sede Municipale, parte una nuova pista ciclopedonale che raggiunge l'abitato di S.Biagio dopo alcuni Km tra il verde dei campi e il canale "Gherardo", fino al "Forcello". Logo del Parco Archeologico del Forcello Il comune di Bagnolo offre vari percorsi storici e naturalistici avendo sul suo territorio ville antiche e molte zone verdi. Ogni percorso può essere organizzato con guida su prenotazione per gruppi fino a 20 persone.

Museo Diffuso del fiume

Gli Antichi Estruschi

Museo Archeologico del Forcello

Museo della Cività Contadina

Pubblicato in Vivere Bagnolo San Vito

Da oltre cinque anni prosegue sul territorio bagnolese un'interessante raccolta di materiale etnografico riguardante i vari aspetti della civiltà contadina nella prima metà del '900.

Storia del museo

Da oltre tre anni prosegue sul territorio bagnolese un'interessante raccolta di materiale etnografico riguardante i vari aspetti della civiltà contadina nella prima metà del '900, in linea con un progetto del Provveditorato:"Dalla memoria alla storia" che coinvolge numerose famiglie, la scuola, l'Ente locale, associati e altre agenzie educative e culturali a cui vanno sinceri riconoscimenti.

Dentro il museo

museo contadinoPur nella semplicità degli obiettivi e nei limiti delle strutture, il percorso didattico si è arricchito di nuovi settori, di una mostra permanente, di momenti laboratoriali-espressivi, mostre e simulazioni educative ricche di "segni e significati" per i ragazzi. La collaborazione di esperti conferisce serietà al progetto di ricerca che non si limita alla conservazione nostalgica, ma tende a rileggere momenti della nostra storia di paese e frazioni attraverso documenti e situazionicontestualizzate con la presenza di persone che hanno vissuto il recente passato consegnandoci il calore delle testimonianze, l'esperienza dei vissuti, il significato delle trasformazioni e la responsabilità dei valori.

Museo didattico per la memoria consepevole

Seminascosto dal contesto agricolo di Corte Renolfa (quasi un presepe del piccolo mondo antico in contrasto con le luci abbaglianti della vicina Città della Moda) il Museo etnografico sorprende il visitatore per l’autenticità di un ricco patrimonio storico – materiale, esposto per argomenti tematici inerenti a tutta un filosofia di vita della prima metà del Novecento.
Non capita spesso che convergenze collaborative tra scuole – istituzioni – famiglie – volontari, sappiano trasformare un’accurata Ricerca scolastica in : Mostra permanente – Associazione culturale – attività museale, caricando i percorsi di valenze educative ad alto spessore antropologico e rintracciabilità affettive, riconducibili al presente.
L’aggettivo didattico che caratterizza l’insegna del museo investe non solo una singolare carrellata di fonti storiche e materiali da salvaguardare da tarlo del Tempo, significativi percorsi pedagogici modulati con pertinenti strategie educative, ma anche momenti rievocativi, quasi terapeutici per i nonni che, mentre aiutano a restaurare strumenti di un tempo, ricordano e commentano vissuti comuni: quando il pane era polenta, quando l’acqua era pulita, quando ci si accontentava di poco, quando la sostanza valeva più dell’apparenza, quando il tempo non era denaro, quando “mettere in memoria” toccava la pelle e il cuore…. (mentre un gròp in dal stomach, rende gli occhi lucidi di commozione).
Un tempo ritrovato, quindi che scandisce momenti di vita quotidiana dell’antica civiltà rurale, riletta con un neorealismo pedagogico montessoriano e simpatiche chiavi di lettura che permettono agli alunni di integrare apprendimenti scolastici e comprendere :

  • vissuti e documenti della propria storia personale - familiare - microstorie di paese - frazioni
  • trasformazioni ambientali, usanze, conquiste sociali, innovazioni e abilità artigianali
  • segni significati, sentimenti di calde testimonianze che portano al rispetto dei nostri anziani, consegnandoci esperienze di vissuti – aspirazioni – insegnamenti e la responsabilità dei valori.

Dall’emotiva analisi di “una storia ancora maestra di vita” scaturiscono interessanti progetti che danno vita a freddi documenti d’archivio, sbiadite fotografie e ingombranti strumenti intrisi di terra - sudore - sostanza - senso solidale.
Collaudati argomenti riproposti dalle insegnanti sono:

  1. “Tra Mincio e Po: case, corti, chiese, canali, coltivazioni….
  2. “La scuola di ieri: dal calamaio al computer, arredi, sussidi, metodologie, pagelle, compiti
  3. “Dalle ruote della fatica, a quelle del progresso: piccoli e grandi mezzi di trasporto…
  4. “ Giochi e giocattoli ieri e oggi: fantasia, creatività, regole, simulazioni, coordinazione mot.
  5. “ Ambiente cucina: la vera storia del pane, del latte, del vino, polenta, conserve, sapori…
  6. “Angolo letto e abbigliamento: tessitura ieri e oggi, culla , lettino, lettone
  7. “Vecchi mestieri scomparsi: ingegnosità artigianali e trasformazioni attrezzi e strumenti
  8. “Devozioni – superstizioni: proverbi, modi di dire, filastrocche, espressioni dialettali…
  9. “Primi segni di progresso che collegano l’antica civiltà rurale al periodo pre-industriale

 Interessanti inoltre risultano i LABORATORI ARCHIVIO sotto le scuole elementari, dove si evidenziano stratificazioni di esperienze didattiche, pertinenti settori di ricerca, cartelloni illustrativi ed elaborati di mostre svolte sul territorio nel corso degli anni. Premesso che ogni paese dovrebbe conservare il proprio Angolo della Memoria documentata, la specificità bagnolese nel coinvolgere le persone su un PROGETTO condiviso, nasce dal quesito provocatorio: “… E se non si trattasse solo di amarcord – tuffi nel passato nostalgico, ma di esperienze forti – aspirazioni – insegnamenti e valori tuttora significativi, a che affidare il testamento di questa civiltà se non alle didattiche scolastiche ?”
Interessanti considerazioni emergono dai bambini nel contatto diretto - tridimensionale con oggetti affettivi intervistati direttamente in classe (es. macchina da cucire nella storia della tessitura; macinino da caffè; scaldaletto; carillon; fionda; cartella e pagella della nonna; lanterna … ) descrivendone i materiali, le funzioni, trasformazioni correlate al presente e coinvolgendone aspetti pluridisciplinari = scienze - lingua - storia - espressività… nell’emotiva sensorialità che aggancia concetti e sentimenti;

  • evidenziando un’artigianalità paziente, ingegnosa, manuale…. non costruita in serie;
  • analizzando attuali ritmi di vita accelerati non solo per i tanti impegni, ma anche per le incalzanti tecnologie che …. ti fanno sembrare sempre indietro;
  • focalizzando un “usa e getta” indiscriminato che tende ad accantonare rintracciabilità affettive e sentimenti ed un “tutto e subito” teso ad anticipare nozioni preconfezionate, pregiudicando l’importanza d’imparare da soli anche sbagliando, memorizzando saperi più trasmessi che sperimentati;
  • facilitando la comprensione di un colorito linguaggio dialettale legato al lento ritmo delle stagioni, al buon senso e ai vissuti esperienziali degli anziani (creando così un simpatico by-pass educativo tra generazioni diverse.

Reso il dovuto riconoscimento ad esperti, pedagogisti e a tutta una vasta letteratura in proposito, la sfida didattica bagnolese di investire nell’educabilità scolastica vissute testimonianze recenti, può risultare controcorrente e priva di gratificanti visibilità, ma promuove fiducia sui processi formativi delle giovani generazioni:

  1. la responsabilità di una memoria condivisa e non solo celebrata: “bisogna anca voltars’ in drè, par andar avanti méj!”
  2. stimola il senso della ricerca nelle analogie tra civiltà diverse sulla linea del tempo;
  3. motiva percorsi educativi d’appartenenza sul proprio tessuto territoriale, compensando preoccupanti vuoti, analfabetismi di ritorno, dissolvenze di memorie parentali, striscianti sovvertimenti di priorità valoriali.

Superate quindi pregiudiziali saccenti bucoliche – nostalgiche: “parchè maèstar, di càncar vèch possono fare storia?”
Forse per meglio contestualizzare il divenire storico rileggendo i segni della mano dell’uomo, lente conquiste sociali, mutamenti, specificità produttive e significative tradizioni…
Forse per riagganciare generazioni diverse, rileggendo le privazioni sul volto dei nostri anziani, i limiti e le comprensibili perplessità nel capire come, all’attuale progresso, non corrispondano migliori condizioni di vita…

Forse per rieducare i ragazzi su coordinate eco-ambientali comuni a tanti paesi, che la storia dell’uomo può ancora essere maestra di vita tramite percorsi antropologici innovativi, metodologie sperimentali, sensibili approcci che interagiscono con i documenti colorandoli di emotivi vissuti personali e considerazioni socializzate.
Forse per riappropriarci dell’uso del TEMPO nel rispetto di ritmi di vita a misura d’uomo, priorità convivenze sociali…“setacciando” immagini e saperi preconfezionati – optionals accattivanti - produttività sofisticate - pubblicità invadenti… da vissuti e valori ancor caldi sotto la polvere di ieri, ancor significativi, pur nei limiti di strutture e didattiche sperimentali (autentiche perché prive di ambienti asettici e cartelli dalle scritte Non Toccare, considerando così il visitatore museale più come soggetto interattivo che cliente da assecondare).

Per informazioni
Ins. Ragazzi Silvano (Ufficio Scuola/Cultura del Comune)

Pubblicato in Parchi e Musei storici

Il comune di Bagnolo San Vito sostiene la rete dei centri di informazione per i giovani in provincia di Mantova.

L'informagiovani è un servizio gratuito informativo e di primo orientamento sui temi di interesse giovanile rivolto a 14/32enni. Le informazioni trattate: lavoro, scuola e formazione, tempo libero, partecipazione giovanile, mobilità all'estero.
Il sito dei centri informagiovani della provincia di Mantova è: www.informagiovani.mn.it

Per tutti i dettagli informativi sulle informazioni trattate contatta il centro informagiovani più vicino: indirizzi, contatti ed orari da questo link
http://www.informagiovani.mn.it

Servizio Informagiovani Provinciale Mantova
www.informagiovani.mn.it
Portale del servizio INFORMAGIOVANI della Provincia di Mantova.

Il Parco Archeologico del Forcello di Bagnolo San Vito, pochi km a sud est di Mantova, sorge intorno ai resti di un importante abitato etrusco di VI-IV sec a. c.. Gli scavi archeologici condotti nel sito dal 1981 ad oggi, con la direzione scientifica del prof. de Marinis dell'Università degli Studi di Milano, hanno portato alla luce, anno dopo anno, una piccola porzione di questo abitato, ma con una lunga sequenza stratigrafica, articolata in otto fasi insediative principali.

Il progetto del Parco Archeologico, nasce dall'esigenza di salvaguardare almeno una porzione dell'abitato dagli insistenti e distruttivi lavori agricoli e al fine di valorizzazione e divulgare i risultati scientifici conseguiti con gli scavi.Le scoperte effettuate nell'abitato etrusco del Forcello, la cui ricchezza ed importanza sono già da lungo tempo note in ambito scientifico, hanno finalmente un efficace strumento per essere messe al servizio della divulgazione e della didattica.

Visita il sito ufficiale www.parcoarcheologicoforcello.it

 

Pubblicato in Parchi e Musei storici

etruschi1In località Forcello, nella frazione di San Biagio, gli scavi archeologici condotti dall'Università di Milano stanno riportando alla luce un'antica città etrusca, datata VI secolo a.C. Non sappiamo come si chiamasse , ma la sua importanza storica e culturale è enorme, in quanto si tratta della città etrusca situata più a Nord, fra i siti etruschi finora scoperti. Le tracce archeologiche conducono fino al IX secolo a.C. ma il terreno "vergine", privo dei segni lasciati dall'uomo, non è ancora stato toccato...Il Forcello è un dosso di origine prevalentemente artificiale, formatosi in seguito all'accumularsi di strati archeologici che testimoniano la vita dell'abitato; la sua estensione è valutabile attorno ai 13 ettari.

Perchè questo abitato è proiettato verso il Nord Europa? Lo spiegano i fiorenti commerci dell'epoca: gli Etruschi facevano da intermediari tra i prodotti greci e le mercanzie della Gallia: le merci arrivavano via acqua e venivano caricate e scaricate su un piccolo isolotto, l'abitato etrusco del "Forcello". E' difficile sopravvalutare la rilevanza di questo sito archeologico, a due passi da Mantova e Verona. Anzi: si ritiene che l'antica Mantova possa essere proprio il nostro abitato etrusco! Coloro che si insediarono al Forcello contavano sul fatto che trovarsi su un'isola (a quel tempo l'acqua circondava l'abitato) avrebbe facilitato le comunicazioni per via fluviale e reso possibile l'utilizzo di un'insenatura dai bassi fondali, al riparo dalla corrente principale del fiume. In definitiva, si trattava di un autentico porto commerciale. Si é scoperto che gli abitanti, forse a causa di un'inondazione, costruirono un secondo terrapieno a 33 metri di distanza dal primo costruito in precedenza: oggi osserviamo un vero e proprio accumulo, largo circa 8 metri, di argilla compatta e pressata. Il terrapieno doveva cingere certamente l'intero abitato, e ne rimane significativa traccia nelle ondulazioni del terreno. La città etrusca era ortogonale, con case allineate lungo canali artificiali scavati come collettori fognari. Grossi pali sostenevano passatoie lignee per poter camminare sopra l'acqua. Sono già stati riportati alla luce due canali artificiali che corrono paralleli lungo tutto l'abitato, di cui costituiscono il principale asse di attraversamento.

A Sud ovest dei canali sono state messe in luce alcune abitazioni a pianta rettangolare. Erano costruite con materie prime deperibili, legno, canne palustri, paglia e argilla cruda o parzialmente cotta. L'interno degli edifici abitativi è sempre provvisto di uno o più focolari e di arredi: scaffalature, tavolini, sedili, panche. I pavimenti erano di terra battuta; il tetto era a doppio spiovente e costruito assai probabilmente con paglia pressata, per non sfondare la sommità.

Gli scavi testimoniano una vera e propria operazione di bonifica, terminata forse verso il 500 a.C. Centro commerciale, il Forcello si caratterizzava per il carico-scarico di olio e vino e altre mercanzie. L'agricoltura occupava un posto importante nel sostentamento quotidiano. Venivano coltivati cereali e leguminose, come si capisce dal ritrovo delle derrate alimentari: lenticchie, fave, piselli, frumento e orzo. La pratica dell'allevamento è assai sviluppata con la netta prevalenza del maiale sulle capre e i bovini. Sono state ritrovate molte ossa di pesce, in particolare vertebre e mandibole di luccio. La pesca è attestata anche dal rinvenimento di numerosi ami di bronzo di varie grandezze. Sono numerose e sorprendenti le testimonianze archeologiche offerte dal Forcello; il quadro complessivo dipinge un sito di straordinario interesse: durante il VI secolo a.C. Greci ed Etruschi avevano stabilito rotte commerciali nell'Alto Mar Tirreno e, grazie alla fondazione della colonia di Marsiglia a opera dei Greci di Focea, si poteva raggiungere i territori celtici risalendo il Rodano. Il Forcello era il centro etrusco più importante a Nord del Po, e la città aveva carattere di emporio, come dimostra la grande quantità di materiali di importazione che vi sono stati ritrovati: ceramica, anfore, vasellame, otri. Gli Etruschi erano anche il tramite per cui i Greci si procuravano lo stagno, necessario per produrre il bronzo. Il sito etrusco del Forcello è testimonianza archeologica di livello mondiale. La ricerca scientifica al Forcello è costante ed è divenuta fonte di dati e notizie fondamentali.

Parco archeologico del Forcello (1)
Parco archeologico del Forcello (2)
Parco archeologico del Forcello (3)
Parco archeologico del Forcello (4)

Informazioni
Per visite guidate è possibile telefonare al 348 720 1518 o inviare una e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Parchi e Musei storici

Il Museo Diffuso del Fiume - Conca del Bertazzolo nasce grazie alla fruttuosa collaborazione delle Amministrazioni Comunali di Bagnolo San Vito e di Roncoferraro, insieme a Regione Lombardia, per un progetto culturale nato, cresciuto e maturato negli anni scorsi nell’ambito del Museo Diffuso - Conca del Bertazzolo e del più vasto comprensorio dell’Ecomuseo della risaia, dei fiumi, del paesaggio rurale mantovano.

Oggetto dell’indagine di archeologi e storici una porzione di territorio, quella del Basso Mincio da Mantova al Po, strategicamente importante per la storia della città di Mantova e del suo territorio. In un percorso fondato su basi scientifiche, ma volutamente didattico, costituito da pannelli esplicativi a diversi livelli di lettura, da modelli e video in lingua italiana e inglese, gli esperti ne hanno colto l’evoluzione nel tempo, dall’antichità ai giorni nostri. Il risultato è quello di un suggestivo percorso il cui filo conduttore è costituito dall’acqua, intesa come risorsa indispensabile all’insediamento, all’agricoltura, alla difesa militare, alla comunicazione e al commercio.

Elemento vivificante e al contempo, con le alluvioni, minaccia alla sopravvivenza delle comunità rivierasche e più estesamente della stessa Mantova, del Serraglio e delle basse terre orientali.

Guida di eccezione è Gabriele Bertazzolo (1570-1626), il più famoso degli ingegneri idraulici mantovani, dalla cui professionalità sono dipese, anche dopo la sua morte, le sorti della città e del Ducato gonzaghesco.

Il Museo è stato allestito accanto alla sua più celebre creazione, la conca di navigazione, parte integrante del percorso di visita con la novecentesca conca Vittorio Emanuele III e il moderno scaricatore di Mincio.

Responsabilità e cura scientifica: Carlo Togliani

pdf Museo diffuso del fiume - volantino illustrativo  

Pubblicato in Parchi e Musei storici

Da oggi puoi accedere a tante risorse digitali, disponibili on-line, gratuitamente, ovunque tu sia.
Puoi sperimentare subito questo nuovo servizio collegandoti al sito: mantova.medialibrary.it
(per essere autorizzato devi farti iscrivere dalla tua bibliotecaria, lasciandole l'indirizzo e-mail ed il codice fiscale; ti arriveranno direttamente sul tuo indirizzo di posta elettronica le credenziali per poter autenticarti)

Dopo il primo accesso CAMBIA LA PASSWORD (cliccando sul pulsante “account”) e accedi al servizio con le tue credenziali personali.

Entra subito in MediaLibraryOnLine e scopri quante risorse digitali hai a disposizione. Un esempio? la versione odierna integrale di oltre 1.300 giornali e riviste da tutto il mondo!!

Che cos’è MediaLibraryOnLine (MLOL)?

  • Un portale web da cui è possibile consultare tanti tipi di risorse digitali: musica, filmati, quotidiani e riviste, corsi a distanza, e-book, audiolibri, testi, banche dati, immagini, ecc. • Una rete nazionale di biblioteche, sistemi bibliotecari e altri enti che collaborano e condividono le risorse digitali.

Cosa puoi fare con MLOL?

  • Scaricare e ascoltare audiolibri, sul PC o sul lettore mp3
  • Leggere e-book
  • Leggere e consultare la versione odierna integrale di oltre 1300 giornali e riviste da tutto il mondo
  • Vedere filmati e film in streaming
  • Consultare banche dati
  • Ascoltare musica
  • Partecipare a corsi a distanza
  • Scoprire tante fonti di informazione o intrattenimento che forse non conoscevi.
Pubblicato in Biblioteca
Pagina 1 di 2