Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.  Per ulteriori informazioni Clicca qui

Il Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, entrato in vigore il 6 giugno 2013, ha fissato la decorrenza degli obblighi di utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la Pubblica Amministrazione, ai sensi della Legge 244/2007, art. 1, commi da 209 a 214.

In ottemperanza a tale disposizione, questa Amministrazione, a decorrere dal 31 marzo 2015, non potrà più accettare fatture che non siano trasmesse in forma elettronica secondo il formato di cui all'allegato A "Formato della fattura elettronica" del citato DM n. 55/2013.

Inoltre, trascorsi 3 mesi dalla suddetta data, questa Amministrazione non potrà procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino alla ricezione della fattura in formato elettronico.

Per le finalità di cui sopra, l'articolo 3, comma 1, del citato DM n. 55/2013 prevede che l'Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche, inserendoli nell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), che provvede a rilasciare per ognuno di essi un Codice Univoco secondo le modalità di cui
all'allegato D "Codici Ufficio".

Il Codice Univoco Ufficio è un'informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l'identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall'Agenzia delle Entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all'ufficio destinatario.

A completamento del quadro regolamentare, si segnala che l'allegato B "Regole tecniche" al citato DM n. 55/2013, contiene le modalità di emissione e trasmissione della
fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione per mezzo dello SdI, mentre l'allegato C "Linee guida" del medesimo decreto, riguarda le operazioni per la gestione dell'intero processo di fatturazione.

Quanto sopra premesso, si comunicano i Codici Univoci Ufficio per il Comune di Bagnolo San Vito, ai quali dovranno essere indirizzate, a far data dal 31 marzo 2015, le fatture elettroniche per ciascun contratto in essere:

  • Area AFFARI GENERALI: R43UYZ
  • Area ECONOMICO-FINANZIARIA: EBSBBF
  • Area TECNICO-MANUTENTIVA: ULAK5J
  • POLIZIA LOCALE in forma associata: 35QM0Z

Oltre al Codice Univoco Ufficio, che deve essere inserito obbligatoriamente nell'elemento "Codice Destinatario" del tracciato della fattura elettronica, si prega altresì di indicare nella fattura anche le seguenti informazioni:

  • "Codice CUP" (Codice Unitario Progetto)
  • "Codice CIG" (Codice Identificativo Gara)
  • "altro elemento" (altra informazione)

Si invita a voler verificare, per quanto di proprio interesse, le "Specifiche operative per l'identificazione degli uffici destinatari di fattura elettronica" pubblicate sul sito www.indicepa.gov.it e la documentazione sulla predisposizione e trasmissione della fattura elettronica al Sistema di Interscambio disponibile sul sito www.fatturapa.gov.it.

L’articolo 1, comma 639 e seguenti della legge 27 dicembre 2013, n. 147 e successive modificazioni ed integrazioni, ha disposto l’istituzione, a decorrere dal 1° gennaio 2014, dell’imposta unica comunale IUC, basata su due presupposti impositivi:

  • uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore,
  • l’altro collegato all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

L’Imposta Unica Comunale è composta:

  • dall’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali (ad eccezione delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9);
  • di una componente riferita ai servizi, che si articola nei tributi:
    • per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, escluse le abitazioni principali (ad eccezione delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9);
    • tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.

Servizi

Pubblicato in Tributi comunali

Con la legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 28/12/2015) sono state apportate importanti variazioni alla IUC in particolare per TASI su abitazione principale ed IMU su terreni agricoli.

  • TASI abitazione principale : viene eliminata .
  • Rimane invece in vigore la TASI per le abitazioni principali di lusso CAT. A1 A8 A9
  • IMU terreni agricoli: esenzione per i terreni posseduti e condotti da CD e IAP con iscrizione previdenza agricola

Documenti

 

 

 

Personale:

Responsabile Area Finanziaria - Dott.ssa Elena Olivieri
Economato e Tributi - Simona Nasi
Personale e Contabilità -  Dott. Rag. Gianluca Benati

Email:

Responsabile Area finanziaria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Economato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Personale: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono:

0376 253100    numeri diretti:  Ragioniera n. 420 ;  Tributi n. 409; Gianluca  n. 40.8

Fax:

0376 415387

Indirizzo:

Primo piano del Palazzo Municipale
Via Roma, 29 - Bagnolo San Vito (MN)

Orari di apertura al pubblico:

Martedì, Giovedì e Sabato dalle 08.00 alle 13.00

Servizi